martedì 25 luglio 2017

Razza, Giuliani e gli abbracci: la Sinistra e i concetti che fanno paura

La Prestipino con la Boschi e Speranza, il 'nuovo vecchio' PD 
Chi è abituato a combattere per il nulla, per un nulla si mette a combattere. E' il caso della Sinistra, tutta, corta, media ed estrema, che una volta di più, fa capire come siano ormai finiti oltre il limite quel misto di ideali, idee e obiettivi concreti che, forse, mezzo secolo fa, poteva ancora sbandierare a buon diritto. Ormai gli ultimi vagiti di esistenza di chi ancora sventola bandiere rosse (o arancioni) sono sepolti da slogan, demagogia, tentativi di ristabilire una coscienza di classi ormai scomparse da decenni, seppellite da quello stesso nemico che i Comunisti volevano combattere, quel grande Capitale di cui la stessa Sinistra è stata la prima collaborazionista, tutto pur di uccidere la piccola industria, il commercio, il lavoro autonomo, la vera spina dorsale di questo Paese che chiamiamo Italia.
L'ultima grande scoperta della Sinistra, mai tanto benedetta, sono stati i 'rifugiati'. Chiamati con il passare del tempo 'migranti, 'vittime', 'fuggitivi', perfino 'fratelli' dai più millenaristi, che ora vorrebbero trasformare questa gente, che io altro non posso definire se non 'invasori', in 'italiani'. I rifugiati costituiscono l'ultima grande speranza della Sinistra. Del creare una nuova ideologia di eguaglianza, ma soprattutto di raccogliere voti. Voti che, è bene saperlo, si dissolveranno non appena i cosiddetti rifugiati capiranno che dovranno poi accogliere altri migranti che verranno dopo di loro. Tutto senza regole, ovviamente. Perché l'ordine è brutto, cattivo, e perfino un po' fascista. E allora proseguirà la lotta fra poveri. Prima fra italiani e africani, poi tra africani di prima e seconda 'invasione'.
A seconda del grado di caos auspicato, la Sinistra si è poi spezzettata in gruppi e gruppuscoli, ognuno degnissimo e rappresentato da un Personaggio Pensante. Nel caso di Campo Progressista si tratta di Giuliano Pisapia che, oltre a essere stato sindaco di Milano, 'vanta' l'aver rappresentato, come legale, la famiglia del 'galantuomo' Carlo Giuliani (colui che stava per assassinare un poliziotto con un estintore e poi venne ucciso, per legittima difesa, dal poliziotto stesso). In un mirabile 'fondo' uscito lunedì 24 luglio su "Il Giornale" e intitolato "Ai comunisti non piacciono gli abbracci", Alessandro Sallusti ironizza sull'affettuoso slancio che Pisapia ha riservato a Maria Elena Boschi, la 'cattiva' di una Sinistra un po' meno Sinistra. Un abbraccio fortemente criticato dai compari dell'ex sindaco arancione: "E su questo - scrive Sallusti - è in corso 'un ampio e approfondito dibattito' in stile soviet con tanto di richieste al povero fedifrago di chiarimenti e scuse ufficiali".
La scena è però presto virata su un altro piddino reo di uno psicoreato ancora più grave: avere espresso il proprio pensiero di padre proprio su quel Giuliani di cui sopra. Il problema è che, al giorno d'oggi, gli psicoreati diventano meno 'psico' se li si rende di pubblico dominio su Facebook. E così Diego Urbisaglia, consigliere PD di Ancona, l'ha certamente sparata grossa: "Oggi nel 2017 che sono padre, se ci fosse mio figlio dentro quella 'campagnola' gli griderei di sparare e di prendere bene la mira. Sì, sono cattivo e senza cuore, ma lì c'era in ballo o la vita di uno o la vita dell'altro. Estintore contro pistola. Non mi mancherai Carlo Giuliani". Non credo sia questione di cattiveria, perché chiunque di noi fosse stato dentro la camionetta avrebbe tentato di difendersi da un criminale (presunto?) che avesse cercato di ucciderlo. Va detta una verità: la 'colpa' di Urbisaglia non è stata tanto la frase, certamente cruda, quanto quella di avere toccato uno dei 'santini' della Sinistra estrema ed extraparlamentare, quella del G8 e di Genova, da cui uno come Giuliani è riuscito a uscirne martire.
Non basta. Nel giro di tre giorni la Sinistra è scivolata sulla terza buccia di banana: 'merito' di Patrizia Prestipino e di una sua improvvida frase: "Se uno vuole continuare la nostra razza, se vogliamo dirla così, è chiaro che in Italia bisogna iniziare a dare un sostegno concreto alle mamme e alle famiglie. Altrimenti si rischia l'estinzione tra un po' in Italia". Apriti cielo. Dimissioni richieste a gran voce da tutto il web sinistrorso, reazioni schifate e indignate da parte del mondo del "siamo tutti fratelli". Tutto per una parola, 'razza', che è stata sempre usata, nel corso della storia, per identificare diverse popolazioni. Wikipedia, che certamente non è l'Accademia della Crusca, la definisce come "gruppo d'individui di una specie contraddistinti da comuni caratteri esteriori ed ereditari". Onestamente non vedo nulla che possa opporre questa definizione al concetto di 'italiano'. Se non la demagogia imperante della sinistra, che in 'razza' vede una parola di origine fascista e pertanto essa stessa pericolosa. Un altro psicoreato, insomma. Razze? Popoli? Genti? Importa veramente? Non conta forse più come la parola venga usata? E poi, è sbagliato identificare un popolo con un concetto o una frase, quando è evidente che tra questi e altri gruppi di genti esistano palesi differenze? Per i fautori dell'accoglienza indiscriminata, a cui pare brutto dare dignità di popolo a chi abita la Penisola Italica, evidentemente sì.

lunedì 17 luglio 2017

Teodora e le sue amiche, sorrisi sensuali dal Montenegro a Milano

Teodora Radovic
Prendi un gruppo di ragazze montenegrine, cinque più parente accompagnatrice, aggiungi una giornata di sole estiva, porta il tutto in Piazza Duomo e aggiungi un fotografo in erba come il sottoscritto. Shakera il tutto e servi con l'ombrellino e un po' di zucchero durante un pomeriggio milanese.
E' questo il cocktail vincente del mio recente incontro con Teodora Radovic, ragazza in realtà nata in Italia a Roma ma poi rientrata in quel Montenegro sua terra d'origine, e unica in grado di parlare un italiano forbito del gruppo.
L'ho subito notata mentre si faceva fotografare da una delle amiche. Come in una formazione di pallavolo, oltre a lei, la 'squadra' montenegrina 'schierava' Sonia Uskokovic e le sorelle Ksenija, Milena e Dragana Draskovic. Un perfetto mix di colori fra bionde e more, tratti quasi nordici, forse mitigati dall'altezza, non esagerata. Tutte molto, molto carine.
Il gruppo di ragazze montenegrine davanti al Duomo
Ecco allora che l'italiano medio, un po' vitellone in stile anni '50 come il sottoscritto, ha cominciato a scattare foto una in fila all'altra, immagini un po' rubate, lasciandosi rapire dalla bellezza delle ragazze in questione. Fino all'assalto finale, con la rivelazione della propria presenza e, ovviamente, la propria disponibilità a proseguire il 'servizio', questa volta sfruttando la collaborazione delle 'modelle per un giorno'. Che, a dispetto di molte che avrebbero potuto reagire in maniera antipatitca, è arrivata fra sorrisi e qualche battuta, con Teodora che mi ha lasciato anche il proprio contatto Facebook. Spero che queste foto vi piacciano e, soprattutto, piacciano alle ragazze dell'Est Europa.
Teodora e le sue amiche, intanto, hanno proseguito il proprio viaggio verso est, visitando Padova, Venezia e, forse, Trieste. Per me è stato un pomeriggio molto divertente. Sia dal punto di vista fotografico, sia perché mi ha permesso di conoscere cinque belle ragazze montenegrine, le prime persone che io abbia mai incontrato originarie di quella nazione. Delle splendide ambasciatrice, non c'è che dire... Ciao, Teodora, buon viaggio e buon ritorno a casa! 
(foto Massimiliano Bordignon)





giovedì 13 luglio 2017

La treccia femminile torna a infiammare la moda

Lagertha e Aslaug, fiere e bellissime nemiche in "Vikings"
La treccia torna di moda fra le capigliature femminili, e io sono felice. L'ho notato già da un paio di anni, forse meno. Al bar, all'Esselunga, per strada, sui tram. Un modo di agghindare i propri capelli fra i più sensuali e parte della millenaria storia dell'uomo. Tanto più importante perché la treccia (o le trecce, senza la 'i', nel caso ce ne siano almeno due) fa scivolare la mente al passato medievale (o ancora più antico) in cui i popoli europei, in particolare quelli germanici, la utilizzavano, almeno secondo quanto possiamo vedere in alcuni film e telefilm, fra cui il favoloso "Vikings" e le due meravigliose Lagertha e Aslaug. Un passato di popoli fieri, capaci di conservare la propria identità.
Ecco, la treccia (da non confondersi con le riprovevoli treccine rasta che, ovviamente, nulla hanno a che vedere con la nostra cultura), di cui pure l'origine non è per niente europea (come leggerete più sotto) riporta alla mente il nostro comune retaggio.
Secondo Wikipedia "La treccia come capigliatura risale al periodo egizio fino al 4.000 a.C. Prima ancora fu sviluppata nell'Africa occidentale come status sociale nelle tribù. Dato il tempo per creare tali acconciature, si creava socialità tra le donne locali. L'arte la si apprendeva in giovinezza guardando le donne più anziane. L'etimologia della parola treccia non è chiara, potrebbe derivare dal greco tricha (in tre) o dal latino tricae (viluppo), trinus (di tre) o trix (capello)".
La cosa che però balza all'occhio più di tutto è il senso di ricerca e di stile, che prevale e ammalia in un mondo triste e sempre più uguale dove tutte le donne, così come gli uomini, tendono alla scelta più facile e accettata al pensiero dominante: svegliarsi al mattino e pettinarsi come capita. Ora però l'invito è: non fatevela tutte!

venerdì 7 luglio 2017

I media anti Casa Pound si dimenticano dei centri sociali

I centri sociali attaccano la polizia fuori da Palazzo Marino
Dunque, facciamo un po' di chiarezza. Casa Pound pochi giorni fa ha compiuto una legittima, per quanto un po' irruenta, protesta a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano (ovviamente enfatizzata dai media schierati a sinistra e subito definita 'blitz' con toni da guerra di trincea). L'obiettivo era il sindaco Giuseppe Sala, ex commissario unico di EXPO, ormai da diverso tempo alle prese con vicende poco chiare legate all'Esposizione Universale del 2015.
Fuori, nel frattempo, si schierano le solite 'squadre' leoncavalline di picchiatori vari, la cui presenza i soliti media (si ascolti il fantasioso resoconto di Telereporter) cercano di fare passare quasi come casuale e dovuta solo a un incontro con alcuni consiglieri (a cui ci si era presentati in un centinaio, ma vabbeh...). In pochi secondi partono le minacce, i tentativi di aggressione ai ragazzi di destra (che in realtà stavano tranquillissimi all'interno di Palazzo Marino) e alla polizia. In pratica si tratta della stessa gente che okkupa case impunemente senza che nessuno la sbatta in galera, e che difende clandestini e spacciatori, protetta e spalleggiata dalla giunta rossa di turno.
Questo sabato l'ineffabile ANPI (le famose migliaia di partigiani di 105 anni ancora in vita) organizza una 'riflessione' (tze...) sul tema “L’escalation dei neofascismi e il ruolo delle Istituzioni", si ribadisce, 'dopo l'irruzione di esponenti di Casa Pound in Consiglio Comunale', evento a cui prenderà parte, ovviamente, il sindaco Sala. Per la serie, se la suoneranno e se la canteranno, con tanto di presenza del Comitato permanente antifascista contro il terrorismo per la difesa dell’ordine repubblicano (yuppie!). Intanto, i picchiatori e i violenti dei centri sociali continueranno impunemente ad agire indisturbati nel nome di una loro presunta idea di democrazia di comodo. George Orwell non avrebbe mai osato immaginare tanto...

mercoledì 5 luglio 2017

Islam no grazie, nasce il Partito Anti Islamizzazione

Il Partito Anti Islamizzazione è stato presentato a Milano, PAI come acronimo, il suo primo segretario è Stefano Cassinelli e può contare fra i suoi sostenitori e iscritti lo psichiatra Alessandro Meluzzi.
Un inizio che ha dovuto superare l'ostacolo della chiusura del locale che avrebbe dovuto ospitare l'evento (lo Spazio Cobianchi di Piazza Duomo), che all'ultimo momento ha addotto delle problematiche di carattere burocratico. Divertente la mia discesa nel locale, con la hostess che mi guarda tra l'infastidito e l'interrogativo, come se si trovasse di fronte a un alieno. "Ma scusi, l'evento di oggi?". "Nessun evento", la risposta gelida. Va bene, ci crediamo.
La conferenza si è così risolta in un dialogo aperto ai giornalisti in una via alle spalle del Duomo, in cui è stato dapprima Meluzzi a esporre i nove punti che il partito barra movimento si pone come obiettivi da realizzare.
Primo fra tutti "contrastare ogni forma di radicalizzazione dell'Islam" e "ogni tentativo di sottomettere la libertà sociale e culturale dell'occidente", citando come esempio la presenza, accettata in alcuni Paesi europei come la Gran Bretagna, di corti islamiche il cui verdetto possa essere concorrenziale o addirittura superiore a quello dello Stato. così come un rischio da valutare sono le provenienze dei denari raccolti da investire in nuove moschee o ancora nella fantomatica università islamica che sarebbe dovuto essere realizzata nel Salento.
Il continuo sbarco e la continua nascita di figli fanno della popolazione islamica italiana l’unica a trend positivo, con la possibilità di avere decine di milioni di praticanti nei prossimi decenni. Una realtà che, in chiave fantasiosa ma drammaticamente pericolosa, è stata esposta dal noto scrittore francese Michel Houellebecq nel suo libro "Sottomissione".
(foto Massimiliano Bordignon)

martedì 4 luglio 2017

Comincia la Milano-Taranto, moto d'epoca fra turismo e gastronomia

Nelle foto sopra e sotto, alcuni dei partecipanti alla corsa
Ha preso il via all'Idroscalo la 31.a edizione della Milano-Taranto, maratona per moto d'epoca.
Allo scoccare della Mezzanotte, I 208 concorrenti, provenienti da 14 Paesi diversi (fra cui l'Australia e il Giappone) sono partiti a gruppi di due e di tre da Punta dell'Est, per una settimana di viaggio che li porterà nella cittadina pugliese l'8 luglio suddivisi in varie categorie: sidecar, scooter, classe 100, 125, 175, 250, 500 ed oltre, a cui si aggiunge il gruppo degli 'assaggiatori', che valuteranno insindacabilmente quello che sarà il miglior 'punto ristoro' dell'edizione 2017.
Bei volti di appassionati, anche piuttosto agée, delle due ruote, qualche (poche in realtà) centaura al femminile, tanti coloro che hanno scelto un abbigliamento storico, consono alla moto d'appartenenza. Una bella atmosfera, per uno degli ultimi e più grandi eventi del genere.
In totale verranno toccate 7 regioni, con 28 fermate in Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Molise, Basilicata e Puglia, per 1700 chilometri totali.
Nessuna gara o competizione, ci tengono a sottolineare gli organizzatori: la Milano-Taranto è solo una splendida rievocazione di una massacrante gara del passato, a cui unisce la gioia del viaggio, la scoperta dei luoghi e il gusto dei sapori del Belpaese. (foto Massimiliano Bordignon)


giovedì 29 giugno 2017

Wall of Dolls, perché le donne non sono bambole

Jo Squillo, ex cantante punk e ora energetica show woman nel campo della moda, e Giusy Versace, atleta paralimpica. Sono state loro a comporre l'energia totale e devastante di una giornata contro il femminicidio e la violenza, andata in scena a Milano in via De Amicis. Protagoniste molto curiose, bambole provenienti da ogni parte del mondo. "Wall of Dolls" il nome dell'iniziativa, protagonista il muro letteralmente coperto dalle bambole infilzate negli ultimi anni, ciascuna simbolo di una donna violata.
Ma tanti sono anche i modelli affissi all'interno della struttura, donati da grandi stilisti di moda come la griffe Costume national e poi Alberta Ferretti, Laura e Lavinia Biagiotti, Elena Mirò, Ermanno Scervino, Eva Cavalli, Fausto Puglisi, Salvatore Ferragamo, Carlo Pignatelli e Vivienne Westwood. E a corredare il tutto anche una installazione a base di specchi con un effetto ottico tutto particolare.
Alla giornata hanno preso parte varie associazioni cittadine e di difesa delle donne, artisti, musicisti e una dj di origine australiana. E alla fine, parlare con Valentina Pitzalis, il volto distrutto dal fuoco di un compagno 'arrabbiato' ma ancora intatta la voglia di non mollare. Una giornata da ripetere, o una prima volta obbligata per quelli che pensano che, in fin dei conti, le donne altro non sono se non... bambole. (foto Massimiliano Bordignon)



mercoledì 28 giugno 2017

Ivana Pantaleo, impegno e sensualità 'sostenibili'

Ivana Pantaleo indossa una sua creazione in Corso Magenta
Ivana Pantaleo merita ben altro spazio che non quello di un blog come L'Urlo del Diavolo. In attesa del servizio che uscirà su Telenorba, e dello spazio che le dedicherò su Milano Reporter, ho pensato però fosse giusto darvi un piccolo assaggio della persona e dell'alta qualità delle sue produzioni. La prima volta che conobbi Ivana, durante l'EXPO, pensai fra me e me: "Che bella ragazza", o qualcosa di simile. Alla fine di una intervista chilometrica che a me parve però durare pochissimo, rimasi invece colpito dall'intelligente candore e dalla sicura esposizione di una persona che, evidentemente, sapeva di ciò che parlava.
L'arte della fashion di Ivana Pantaleo (la sua linea si chiama "Nana'e'el") è quasi scontata nel suo semplice ma logico obiettivo: produrre abiti ecosostenibili, utilizzando tessuti naturali e biologici, tinti con coloranti ecologici e vegetali secondo tecniche artigianali.
E ancora, il progetto della "Clotherapy", ovvero usufruire delle proprietà terapeutiche dei colori, degli aromi e delle pietre attraverso i tessuti e i coloranti naturali di abiti e accessori.
Stilista, ma anche attrice, designer ma anche donna impegnata nel mondo della cultura, Ivana racchiude in sé tanti piccoli mondi e in ognuno di essi sembra fare splendere una piccola luce, come quando sorregge i propri capi con l'amore di una madre che tiene in grembo il proprio figlio.
In Corso magenta 12, presso l'NDI Store, sta finendo proprio in questi giorni una esposizione in comune assieme ad altre designer impegnate nel mondo della moda ecosostenibile.
Trasparenze, sensualità, un dolce ma discreto ammiccare verso la vita, Ivana appare come una sacerdotessa Wicca ferma, ritta in piedi, in mezzo a un mondo che scorre impazzito, mentre lei sventola i propri tessuti, i propri abiti e le proprie creazioni, bandiera di una vitalità e di una energia tuttora in pieno rigoglio.



Il bello di una sfilata? Ma il pubblico, clairement!

Cosa c'è di più bello di andare a vedere una sfilata di moda? Ma che diamine, osservare tutto quello che si muove attorno a una sfilata di moda! Chi pensa che siano le modelle le grandi protagoniste della giornata in passerella, si sbaglia di grosso. Personalmente la mia attenzione viene quasi completamente catturata dalle splendide fanciulle che fanno da contorno all'evento. Stiliste, giornaliste, blogger (già, ci sono anche quelle, le 'fashion blogger'...). Le 'mise' più interessanti sono proprio quelle del pubblico, il vero show è ai lati del catwalk.
Così, durante l'ultimo giorno dell'ultima  edizione del White a Milano, ho voluto realizzare qualche 'scatto' delle girls che maggiormente mi hanno colpito nel prima e nel dopo la sfilata svoltasi alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini. Quasi mai volgari, spesso in grado di esaltare proprio quella femminilità che invano cerchiamo in quelle modelle tutte uguali che sfilano una dopo l'altra. A voi il piacere di condividerle con me... (foto Massimiliano Bordignon)



I tuoi graffi sulla mia anima

I miei occhi nei tuoi, un impensato e insensato ballo notturno alla flebile luce di un tex-mex dove i confini si perdono ai lati delle tue pupille... scivolo nel tuo sguardo facendomi accompagnare in un vicolo cieco di sensazioni vertiginose. Perdo l'equilibrio, cado nel vortice, vengo masticato dalle tue unghie, i graffi su di me restano profondi proprio perché inattesi. E' stato bello essere ferito senza potersi difendere, il dolore esalta l'emozione di un cuore appena conosciuto. Mi hai fatto male ed è per questo che porterò a lungo il tuo segno nella mia anima...

Tatuaggi? Ma forse anche no grazie!

Cos'è quel tatuaggio? "Un tribunale", mi risponde lui, generalmente con una voce accompagnata da un'eco che sa molto di vuoto pneumatico fra i non molti neuroni presenti nel suo cervello. Ah però, interessante. E tribale in che senso? "Eh, cioè, tribale, era uno dei tatuaggi degli antichi maori". Ah capisco, certo. Ma come mai ti sei ispirato agli antichi maori? "Eh, perché è tribale". Sì, tutto chiaro, ma dico, c'è un motivo per cui... guardo l'immagine lattiginosa dei suoi occhi persi nel vuoto e capisco che non c'è un motivo, non esiste un motivo per cui lui, e la gente come lui, decida di farsi un tatuaggio. Non sei un portuale dei camalli, non sei un sicario della Mara Salvatrucha, non sei un punk di Brixton. O forse invece lo sei e mi hanno raccontato male di quando ti hanno visto fare le vacanze alla pensione "Quiete" a Rivabella di Rimini, mentre ti scofanavi un cocomero in canottiera? Forse per coprire una parte di sé, quella che potrebbe più facilmente rivelare il nulla residente al proprio interno. Per questo dico un fiero NO ai tatuaggi, che in massima parte sono senza senso, e anzi, coprono il dolce candore e la sensualità che una pelle liscia e candida sanno regalare. Tristesse...

martedì 27 giugno 2017

Dale Bozzio, voglio ricordarti come in quei video trasgressivi

Dale Bozzio, una delle più affascinanti icone del rock alternativo americano degli anni '80, meglio nota  come new-wave, front-girl dello storico gruppo dei Missing Persons, madre di tutte le donne esibizioniste dell'ultimo quarantennio, prime fra tutte Lady Gaga, che gli deve molto, forse tutto, quanto meno dal punto di vista estetico, visto che da quello musicale la band californiana vince 20 a zero.
Una carriera lunga e luminosa, che l'ha vista collaborare anche con Frank Zappa. Ma questo post non è scritto per celebrarne le gesta, ma viene buttato di getto dopo averla vista in un recente video su Youtube. A 62 anni, persa la luminosità nella voce che ne caratterizzava i tipici gridolini, ora la (ex) bella Dale è in concerto viene 'sorretta' dalla cattiva acustica e dai provvidenziali video che, alle sue spalle, la ritraggono ancora bella e trasgressiva, nei primi anni '80. Non conosco la sua storia personale, ma immagino che, visto il tipo, qualche piccola trasgressione se la sia concessa.
La cattiveria, l'arroganza, la splendida tracontante sensualità che la caratterizzavano ora lasciano spazio a uno sgraziato invano rincorrere verso una figura che non c'è più.

mercoledì 21 giugno 2017

Milano Fashion Week, IJO Design tra food e fashion

Dal Salento a Milano la griffe di Annalisa Surace espone la sua ultima collezione in un locale pugliese del centro cittadino, il "Pulia", nell'ambito della Milano Fashion Week. La Surace, che a Milano era accompagnat dal suo braccio destro, Carmen Bastone, si era già presentata in una delle scorse edizioni del White, la grande esposizione della moda emergente che trova spazio nei saloni di via Tortona.
Food&Fashion Show è stato il nome della serata milanese, in cui l'aspetto gastronomico è stato curato da Tonia Notarangelo, e all'interno della quale la Surace ha presentato le proprie creazioni dal design artigianale di lusso di “IJO’ Design” e “Le Sciccose Salentine”.
Il brand IJO’, nato nel 2001, ha come caratteristica quella di fondere moda e artigianato secondo valori economici e ambientali sostenibili, con tessuti che uniscono fibre nobili e certificate, antiche tecniche di lavorazione e accessori dalle forme semplici e geometriche. E anche le Sciccose Salentine sono un prodotto interamente fatto a mano che segue la tradizione artigiana del made in Italy di alta qualità. (foto Bordignon)